Difendere la propria privacy su Mac OSX

privacy.jpg  

  • Navigando sul web alla ricerca di utili informazioni mi sono imbattuto in questo facile ed utile tutorial. Fatene buon uso.

PROTEGGERE CARTELLE E FILE RISERVATI SUL MAC

 

Breve tutorial sulla privacy

Per evitare che sguardi rapaci e indiscreti frughino dentro i nostri file e cartelle gli approcci sono due: l’utilizzo di software di terze parti (una ricerca su versiontracker.com o su macupdate.com dà sempre parecchi risultati) o il ricorso a risorse di cui il Mac già dispone. Qui vedremo come sfruttare al meglio il Mac modificando i permessi, creando immagini disco, utilizzando il Terminale

 

  1. Il metodo più rapido, ma meno sicuro, consiste nel modificare i permessi. Si evidenzia il file (o la cartella) che si intende proteggere, si preme Mela I per ottenere informazioni e poi, nella parte inferiore, alla voceProprietario e Permessi – Dettagli, si sceglie “Nessun accesso”. D’ora in poi il file (o cartella) non sarà più accessibile: facendoci sopra un doppio clic apparirà la scritta “Non puoi aprire la cartella XXX: non hai sufficienti privilegi di accesso”. Per poter aprire l’elemento in questione bisognerà rifare la procedura appena descritta ma al contrario, cioè scegliendo “Lettura/Scrittura” nella finestra di Informazioni. È evidente che, non essendo richiesta alcuna password, chiunque conosca un pochino il Mac può aggirare la protezione e quindi il livello di sicurezza è minimo
  2. Il metodo dell’immagine disco è un po’ più macchinoso, ma decisamente più sicuro. Si lancia Utility Disco (Applicazioni–>Utility) e nella barra degli strumenti si preme sull’icona “Nuova immagine”. Nella finestra che si apre si sceglie la dimensione che l’immagine dovrà avere (in relazione a quanto si pensa che dovrà contenere) e poi si sceglie la criptatura (AES 128 bit è quella raccomandata): dopo aver dato un nome e una collocazione all’immagine si preme il pulsante Crea. A questo punto viene richiesto di digitare una password (da non dimenticare perché non potrà essere in alcun modo recuperata e, soprattutto, da non inserire nel Portachiavi altrimenti il file .dmg si aprirà senza richiederla): quando si preme OK il processo è terminato. Nel Finder verrà creata un’immagine disco (file con estensione .dmg) che si potrà aprire con un doppio clic come ogni altra immagine, ma solo dopo aver digitato la password. Ad immagine aperta vi si possono inserire file e cartelle fino al raggiungimento della sua capacità; l’immagine si chiude trascinandola sul Cestino o premendo Comando E: nel Finder rimarrà solo il file .dmg.Nel caso si voglia proteggere una cartella già piena di materiale, sempre da Utility Disco, è sufficiente scegliere Nuova Immagine da Cartella: in questo caso non è più necessario fissare una dimensione in Mb o Gb, però ovviamente non sarà poi possibile aggiungere altri file a differenza dell’Immagine Vuota. L’opzione “Sparse Image Disco” permette inoltre la lettura/scrittura del file .dmg creato con la criptatura AES 128.
  3. L’ultimo metodo consente di rendere invisibili file o cartelle tramite Terminale. Il metodo è applicabile a qualunque file o cartella, dovunque si trovi sull’hard disk ma, per rendere più agevole la fase di recupero dell’elemento che si sta trattando, è preferibile creare una cartella nuova (che nel nostro esempio chiameremo CartellaMia) e solo dentro questa cartella avverranno le sparizioni/apparizioni del file (o cartella) che chiameremo Segreto.
  • Per prima cosa si lancia il Terminale (Applicazioni–>Utility) e poi si fa in modo che la finestrella del Terminale stia affiancata alla CartellaMia, contenente elementi che si vogliono rendere invisibili. Nella finestra del Terminale si digita cd e si preme una volta la barra spaziatrice; poi si trascina (drag&drop) sopra la finestra del Terminale la CartellaMia e si preme Invio. In questo modo ci si è trasferiti nella cartella CartellaMia (cd = change directory). 
  • Ora si digita ls –a e si preme Invio. In questo modo si vede un elenco (ls = lista) di tutto (-a = all = tutto) il contenuto della CartellaMia. Ora bisogna far diventare invisibile il nostro file (o cartella) chiamato Segreto. 
  • Si digita mv Segreto .Segreto e poi si preme Invio. Si nota che il file (o cartella) è sparito: l’aggiunta del punto davanti al suo nome l’ha reso invisibile. 
  • La procedura per ridare visibilità ad un file (o cartella) invisibile è simile. Si apre il Terminale, si digita cd seguito da uno spazio, ci si trascina sopra la CartellaMia e si preme Invio. Si digita ls –a seguito da Invio e si controlla che lì dentro ci sia il file (o cartella) che vogliamo rendere visibile. Ora si digita mv .Segreto Segreto e si preme Invio: si nota che l’elemento è ritornato ad essere visibile. 
  • Avvertenza:Se il nome del file (o cartella) contiene uno o più spazi (esempio Non guardare dentro), bisognerà che il suo nome venga racchiuso entro le virgo 
Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: